Il Ritmo Meridiano

Suoni e Danze del Sud Italia

Insegnante: Simona Di Gregorio

Il laboratorio di Arti Siciliane attua un breve ma intensivo percorso in cui si ha l’opportunità di approssimarsi al linguaggio dei gesti e dei suoni tradizionali della Sicilia mettendolo a confronto con quello di altre culture del Sud Italia (Puglia, Campania, Calabria), generati dalla stessa madre ovvero l’antica cultura mediterranea.

Il  modulo ha una durata di 8 ore. Le lezioni della durata di 2 ore avranno luogo due volte a settimana.

Rivolto a:                                                                                                                                                                              

Studenti stranieri e cultori stranieri della lingua e cultura italiana. Classi composte da un minimo di 5 e un massimo di 10 partecipanti. Livello minimo di conoscenza della lingua italiana richiesto: base ed elementare.

Obiettivi:                                                                                                                                                                                

Finalità del corso è quella di poter acquisire, in un tempo concentrato, modi e stili appartenenti al fenomeno della nota “danza tarantella” che spazia in tutto il territorio dell’Italia del Sud, nella sua forma melodica (canto e corale), ritmica (tamburello, castagnette), armonica (marranzano) e dinamica corporea (danza). Obiettivi inerenti al corso riguardano la capacità di esprimere emozioni nel cerchio di danze e di suoni e di creare un modo assolutamente personale di raffigurarsi nello spazio con sensualità ed empatia.

Campi d’esperienza:                                                                                                                                                            

Canti, suoni, danze appartenenti al ciclo della terra e a quello del mare: dalle fatiche umane alle dichiarazioni d’amore, dai riti propiziatori a quelli liberatori…ognuno di questi momenti offre l’esperienza ora di canto, ora di un passo più veloce ora lento, l’altro ancora un ascolto meditativo… tuttavia appartengono ad un contesto che li unisce democraticamente, un contesto di  comunicazione e di aggregazione “umana”.

I territori e le corrispettive danze esplorate sono: Sicilia (ballittu siciliano), Campania (tammurriata doce, tarantella di Montemarano), Puglia (pizzica di corteggiamento, pizzica tarantata).

Alla fine di ciascun corso avrà luogo una  piacevole “ronda” di ballo (con musica in parte registrata e in parte dal vivo) in cui i partecipanti potranno mettere alla prova le competenze artistiche ed espressive acquisite.